…il Barocco(…)fu(…)una grande epoca della simulazione, e(…)fu ossessionato allo stesso tempo dalla vertigine della morte e da quella dell’artificio.
…Vertigine eclettica delle forme, vertigine eclettica dei piaceri, vertigine della simulazione. Era già la forma del Barocco, ma nel Barocco la vertigine dell’artificio era anche una vertigine carnale.

Come i barocchi, noi siamo creatori sfrenati d’immagini ma segretamente siamo iconoclasti. Non di quelli che distruggono le immagini, ma di quelli che ne fabbricano una profusione dove non c’è niente da vedere.

 

 

barocco: Probabilmente. incrocio del termine della scolastica baroco (schema mnemonico di un tipo di sillogismo) col francese. baroque, deriv. del portoghese. barroco 'perla irregolare'. (1) gusto artistico-letterario affermatosi nel Seicento, caratterizzato in letteratura dall'uso frequente di metafore bizzarre e inusitate e, in architettura e nelle arti figurative, dalla ricerca dello scenografico e del monumentale. (2) bizzarro, stravagante; di cattivo gusto.

 

Baudrillard, Jean, La sparizione dell’Arte, Giancarlo Politi Editore, Milano, 1988, pag.24, pag.38.

 

barocco