img_00

< >

Politecnico di Milano

Laboratorio di Progettazione dell'Architettura degli Interni

 

Il completamento di un testo interrotto non è esercizio di ecdotica. E’ invece una

digressione che coinvolge in maniera diretta il nuovo autore che è diverso dal primo

[o è lo stesso autore in tempi diversi].

Il risultato non è la ricomposizione della sua [del testo] forma originaria

[semmai esistita] o della forma voluta dal primo autore. Il risultato è una nuova

forma che alla prima si innesta e ne prepara una ulteriore [anche oltre l’apparente

sopraggiunta compiutezza].


Beniamino Servino, Obvius, LetteraVentidue, Siracusa, 2014, p.085

 

 

 

aa 2016-2017, area ex ada-frigor